Acne, che cos’è e come si può contrastare – Beauty Global Solution
17524
post-template-default,single,single-post,postid-17524,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Acne, che cos’è e come si può contrastare

acne

Acne, che cos’è e come si può contrastare

L’acne – indice

Temutissima dalle donne e dagli uomini, l’acne è un nemico non invincibile, che si può contrastare e prevenire con alcuni atteggiamenti consapevoli.

Cerchiamo allora di scoprire che cos’è l’acne e come si può fronteggiare efficacemente in modo semplice e tempestivo!

Cos’è l’acne

L’acne è un termine indicato per poter descrivere una condizione di impurità della pelle, prevalentemente contraddistinta dalla presenza di brufoli e comedoni.

Sebbene i fattori scatenanti possano essere numerosi, la maggior parte delle cause di rischio è legata al sebo, una miscela oleosa che viene prodotta dalle ghiandole sebacee. Quando tale produzione avviene in eccesso – come ad esempio nelle fasi dell’adolescenza, per via di una più intensa stimolazione ormonale – si può generare uno sgradevole inestetismo come, appunto, la pelle seborroica tipica dell’acne.

A sua volta, il sebo, quando viene prodotto in eccesso, si mescola alle cellule presenti nello  strato superficiale della pelle ostruendo i follicoli piliferi, ovvero quei piccoli canali da cui fuoriescono i peli. Si determina così una sorta di tappo, o comedone, aperto (punto nero), o chiuso (punto bianco).

In entrambi i casi… è un problema! Il follicolo ostruito è infatti sede ideale per i batteri, che possono contribuire a infiammare i comedoni e determinare i brufoli.

Di qui, un piccolo chiarimento: l’acne è una condizione di infiammazione dei follicoli e, come tale non è contagiosa. Ad essere contagiosa è la situazione infetta, come ad esempio la comparsa di brufoli e pus.

Quali sono le cause dell’acne

Come abbiamo già rammentato, l’acne è favorita soprattutto dalla produzione eccessiva di sebo, determinata a sua volta da una condizione di costituzione o di maggiore attività ormonale.

Sono infatti gli ormoni a regolare il funzionamento delle ghiandole sebacee e, in particolare, sono gli androgeni ad essere responsabili dell’incremento delle cellule cornee, che unitamente al sebo ostruiscono i follicoli piliferi conducendo alla formazione dei comedoni.

È proprio per il motivo di cui sopra che l’acne compare principalmente durante la pubertà. Non si può comunque escludere che l’acne sia “tardiva”, ovvero compaia in uomini e donne in età adulta, quando magari si manifestano altri squilibri ormonali e… non solo.

Di fatti, l’acne può essere altresì favorita non solamente dagli squilibri ormonali, quanto anche da reazioni di tipo allergico. Si pensi all’acne cosmetica, determinata dall’uso di prodotti cosmetici non adeguati, o ancora alla c.d. acne di Maiorca, determinata da eccessiva esposizione solare.

Cosa non dovete fare

Come rammentato, l’acne è un fenomeno molto diffuso, e sono tante le cattive abitudini che molte persone ritengono corrette.

Per esempio, NON dovete:

  • schiacciare comedoni e brufoli, poiché è il miglior metodo per poter diffondere le infiammazioni e lasciare cicatrici;
  • eliminare del tutto alcuni alimenti con la convinzione che “portino” i brufoli. La dieta equilibrata aiuta ad avere una pelle più sana, ma non ci sono connessioni rigide tra acne e prodotti alimentari;
  • esporti al sole nella convinzione che i raggi guariscano l’acne. Anzi, è lecito affermare che l’esposizione solare può peggiorare l’infiammazione.

Di contro, è vero che alcuni fattori agevolano l’insorgenza dell’acne, come fumo, stress, alcuni prodotti cosmetici.

Come contrastare l’acne

Sebbene sia vero che l’acne possa manifestarsi con diversi livelli di gravità, è altrettanto vero che nella maggior parte delle ipotesi si può contrastare con efficacia.

In primo luogo, sappiate che la pulizia quotidiana fornisce una grandissima mano d’aiuto contro questo problema. Potete pertanto acquistare prodotti detergenti appositi per la vostra pelle, che possano combattere la produzione di sebo in eccesso, l’ipercheratinizzazione e la proliferazione batterica.

Nel caso i prodotti più blandi non dovessero fornire i risultati desiderati, potete puntare su quelle formulazioni che contengono microgranuli. Si tratta di prodotti, generalmente in gel o crema, che contengono dei granuli in grado di favorire un buon effetto scrub, limitando la formazione di comedoni.

Ricordate in ogni caso di garantire alla pelle la migliore idratazione. Anche la pelle seborroica, contrariamente a quanto potrebbe sostenere qualcuno, ha costante necessità di essere idratata!

Proprio per i motivi di cui sopra, in commercio esistono prodotti 2-in-1, che all’azione seboregolatrice uniscono quella idratante.

Evidentemente, per tutte le nostre clienti attuali o future che desiderassero saperne di più, ricordiamo che il nostro centro è a completa disposizione per poter illustrare e condividere i migliori trattamenti contro l’acne.

Contattateci senza indugio: saremo ben lieti di formulare con voi la migliore  strada per ottenere una pelle più sana e in salute!

No Comments

Post A Comment